INTERREG : programma di cooperazione interregionale

    You are currently here!
  • Home
  • Strategia INTERREG : programma di cooperazione interregionale

INTERREG : programma di cooperazione interregionale

Dicembre 27, 2022 WP_EyeuAd Comments Off

Interreg Europe è un programma di cooperazione interregionale cofinanziato dall’Unione Europea. L’Unione europea si impegna a ridurre le disparità nei livelli di sviluppo, crescita e qualità della vita nelle regioni europee e tra di esse e copre il settennale 2021-2027.

La politica regionale dell’Unione Europea, o politica di coesione, incoraggia i territori di diversi Stati membri a cooperare mediante la realizzazione di progetti congiunti, lo scambio di esperienze e la realizzazione di interconnessioni. 

Essa si rivolge a tutte le regioni e città dell’Unione europea al fine di sostenere la creazione di posti di lavoro, la competitività delle imprese, la crescita economica e lo sviluppo sostenibile, migliorando la qualità della vita dei cittadini.  

Interreg è uno degli strumenti chiave dell’Unione Europea (UE) a sostegno della cooperazione transfrontaliera attraverso il cofinanziamento dei progetti. Il suo obiettivo consiste nel sostenere sfide comuni allo scopo di trovare soluzioni condivise in settori quali salute, ambiente, ricerca, istruzione, trasporti, energia sostenibile e altro ancora.

In seguito all’emanazione del Regolamento (UE) 2021/1059 del 03/02/22 , che è parte del pacchetto legislativo sulla politica di coesione dell’Unione Europea per il periodo 2021–2027 approvato il 23 marzo successivo, presenta la struttura che di seguito riportiamo, come da Regolamento (UE) 2021/1060 .

Struttura

La cooperazione territoriale nell’ambito di Interreg si articola intorno a quattro componenti:

  • Interreg A — cooperazione transfrontaliera tra regioni limitrofe (in linea di principio lungo confini terrestri o marittimi, separate dal mare da una distanza massima di 150 km), per rispondere alle sfide comuni individuate congiuntamente nelle regioni transfrontaliere e per sfruttare il potenziale di crescita ancora poco utilizzato in tali aree;
  • Interreg B — cooperazione transnazionale su territori transnazionali più ampi o attorno a bacini marittimi per raggiungere un più elevato grado di integrazione territoriale;
  • Interreg C — cooperazione interregionale attraverso quattro programmi specifici volti a migliorare l’efficacia della politica di coesione grazie alla promozione:
  • dello scambio di esperienze, approcci innovativi e nello sviluppo di capacità tese ad individuare e diffondere buone prassi attuandole nelle politiche di sviluppo regionale, compresi i programmi dell’obiettivo Investimenti a favore dell’occupazione e della crescita (il programma Interreg Europe);
  • dello scambio di esperienze, degli approcci innovativi e dello sviluppo di capacità al fine di individuare, trasferire e capitalizzare le buone prassi in materia di sviluppo urbano integrato e sostenibile (il programma Urbact);
  • dello scambio di esperienze, degli approcci innovativi e dello sviluppo di capacità al fine di migliorare e semplificare l’attuazione dei programmi Interreg e delle azioni di cooperazione, oltre che la costituzione e il funzionamento dei gruppi europei di cooperazione territoriale (il programma Interact);
  • dell’analisi di tendenze di sviluppo connesse agli obiettivi di coesione territoriale, tra cui il programma Osservatorio in rete dell’assetto del territorio europeo.
  • Interreg D — cooperazione tra regioni ultraperiferiche al fine di semplificare lo sviluppo e l’integrazione delle regioni ultraperiferiche e dei PTOM (ad esempio le regioni caraibiche) nel loro ambiente più prossimo (filone che non coinvolge l’Italia).

Risorse e finanziamento

Interreg viene sostenuto dal FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) e attraverso gli strumenti di finanziamento esterni dell’Unione (ad esempio IPA III e NDICI) tra regioni transfrontaliere e Stati membri.

Nel periodo dell’attuale quadro finanziario pluriennale (2021–2027), Interreg riceverà uno stanziamento di 8,05 miliardi di euro (prezzi del 2018) dalle risorse del FESR, ed è strutturato per aiutare i governi locali, regionali e nazionali in tutta Europa a sviluppare e fornire politiche migliori mediante la creazione di opportunità tese a condividere soluzioni ai problemi di sviluppo regionale, coinvolgendo i 29 Paesi, i 27 della UE oltre la Norvegia e la Svizzera.

  • 72,2% per un totale di 5.812.790.000 euro per la cooperazione transfrontaliera terrestre e marittima (Interreg A);
  • 18,2% (un totale di 1.466.000.000 euro per la cooperazione transnazionale (Interreg B);
  • 6,1% (un totale di 490.000.000 euro per la cooperazione interregionale (Interreg C);
  • 3,5% (un totale di 281.210.000 euro per la cooperazione tra regioni ultraperiferiche (Interreg D – filone che non coinvolge l’Italia).

Obiettivi strategici

Sono cinque gli obiettivi strategici:

  1. un’Europa più competitiva e intelligente, che promuove: 
  2. la trasformazione economica innovativa e intelligente;
  3. la connettività TIC regionale;
  4. un’economia più verde, a basse emissioni di carbonio, in transizione verso zero emissioni nette di carbonio, che promuove:
  5. una transizione energetica pulita ed equa;
  6. investimenti verdi, relativi alla conservazione delle risorse naturali;
  7. investimenti blu, relativi a oceani, mari e coste;
  8. l’economia circolare;
  9. la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici;
  10. la prevenzione e la gestione dei rischi;
  11. la mobilità urbana sostenibile;
  12. un’Europa più connessa, migliorando la mobilità;
  13. un’Europa più sociale e inclusiva, tramite l’attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali;
  14. un’Europa più vicina a cittadini e cittadine, conseguibile mediante lo sviluppo sostenibile e integrato di tutti i tipi di territori e iniziative locali.

I   programmi   di   Cooperazione   Territoriale   Europea (CTE)   si   collocano   nell’ambito   degli   strumenti   e   dei finanziamenti a  gestione  indiretta.  La gestione dei fondi è delegata ad una autorità di  gestione chiaramente indicata in ogni programma del Interreg e  che  corrisponde generalmente a un ente nazionale o regionale.

La suddetta autorità di gestione ha il compito di:

  • programmare gli interventi;
  • emanare i bandi;
  • fornire informazioni sul programma;
  • selezionare i progetti;
  • monitorarne la realizzazione.

Gli interventi sono definiti attraverso Programmi di Cooperazione ognuno dei quali ha deadline e priorità di investimento a loro volta dettagliati in;

  • obiettivi specifici;
  • tipologia di azioni da sostenere;
  • risultati attesi;
  • indicatori di risultato

FONTI ED APPROFONDIMENTI

  1. INTERREG EU:  https://interreg.eu/  ;
  2. Regolamento (UE) 2021/1059 recante disposizioni specifiche per l’obiettivo «Cooperazione territoriale europea» (Interreg) sostenuto dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dagli strumenti di finanziamento esterno:   https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/ALL/?uri=LEGISSUM%3A4536656 ;
  3. Regolamento (UE) 2021/1060 consolidatohttps://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=CELEX%3A02021R1060-20210630 ;
  4. Che cosa è Interreg Europa?: https://www.interregeurope.eu/what-is-interreg-europe

VIDEO

  1. La politica di coesione per il futuro dell’Europa: https://www.youtube.com/watch?v=AZ4nAfotfq8&ab_channel=AgenziaCoesioneTerritoriale ;
  2. Interreg Europe: key programme features:  https://www.youtube.com/watch?v=tAN1Fb-xQC0&ab_channel=InterregEurope
Skip to content